Spesso i medici diagnosticano l’ipoacusia neurosensoriale,sai cosa significa veramente?

Se pensi che per sentire sia sufficiente avere le orecchie ti sbagli, infatti sentire ma soprattutto capire è un processo complesso composto da più parti del tuo corpo:

  • La parte esterna dell’orecchio serve a raccogliere i suoni dell’ambiente, infatti avrai notato che l’orecchio ha la forma di imbuto

  • Ce una parte più interna dell’orecchio che trasforma i suoni in impulsi elettrici che viaggiano attraverso i nervi

  • Infine ci sono i nervi che portano al cervello i suoni che li riconosce e li trasforma per te in significato

Infatti quando il tuo udito cala a causa ad esempio di un tappo di cerume, il calo di udito è temporaneo (finchè non lo rimuovi), mentre quando c’è una lesione, un invecchiamento o un malfunzionamento della parte interna (detta sensoriale) spesso il calo è permanente.

I nervi purtroppo non si rigenerano come le altre cellule del corpo (se vuoi approfondire qui trovi alcune informazioni su come funzionano i nervi,la neuroplasticità e i fenomeni di neo gemmazione assoniale), quindi in questi casi il medico dopo accurati test fa una diagnosi di ipoacusia neurosensoriale, e cioè che si riferisce alla parte che trasforma il suono in corrente elettrica da mandare al cervello.

Immagina che il tuo udito come un pianoforte, ci sono tanti tasti e ogni rumore che senti ne fa suonare uno in particolare. Se soffri di ipoacusia neurosensoriale vuol dire che qualche tasto è danneggiato o rotto del tutto.

Fra i tipi di calo dell’udito quella neurosensoriale è quella che nella maggior parte dei casi si risolve con una tecnologia per l’udito. È importante non lasciare passare anni da quando sopraggiunger il problema per far si che il cervello “non si dimentichi” dei suoni perché potrebbe limitare di molto le prospettive di risultato.

È molto importante anche la preparazione del tecnico dell’udito in questo caso perché deve programmare le tecnologie in modo tale da simulare esattamente i meccanismi dei nervi e non è facile.

I computer aiutano spesso i tecnici in questo ma sono programmati sempre e solo per pazienti che parlano la lingua inglese che è la più diffusa ma è molto differente dall’Italiano.

Per questo motivo impieghiamo delle tecniche specifiche per regolare gli apparecchi basati sull’Italiano ma purtroppo ci siamo accorti che spesso pochi audioprotesisti lo fanno, anche perché richiede più tempo e non è un metodo semplicissimo.

Se ne vuoi sapere di più puoi contattarci

Portavo un apparecchio acustico da 5 anni ma non sentivo per niente bene. Dopo aver cambiato centro ed essermi rivolto da Pontoni ho trovato un centro OK! Sono tutti simpatici e con i controlli programmati mi sento seguita. Sento decisamente meglio in generale.

Marisa Lazzarini

Da tempo avevo idea di avere un problema di udito, un pochino sentivo ma non riuscivo a capire le parole, ad esempio mi trovavo a disagio a seguire la televisione. Per fortuna ho incontrato Pontoni che ha svolto il servizio in maniera professionale e ora finalmente capisco molto bene la televisione e anche i miei amici, anche quando sono nella confusione.

Frausin Giuseppe

Era già da qualche tempo che sentivo male, non capivo le parole.. Ho provato varie ditte,ma nulla da fare, non avevo risolto. Poi sono arrivato da Pontoni dove mi sono trovato molto bene con il personale, sono persone molto gentili. Adesso sento tutto meglio in generale e la Tv con il relativo dispositivo la sento molto bene.

Antonio Moro

Prima di trovare una soluzione al mio problema di udito mi sentivo davvero male, invece l’approccio con le persone del centro di Pontoni è stato da subito ottimo: mi sono trovata benissimo! Adesso posso seguire qualsiasi discorso senza sentirmi esclusa e perciò vivo meglio la mia vita in generale.

Bortolussi Liliana

La difficoltà maggiore che avevo era sostenere una conversazione in luoghi rumorosi, ad una cena, per la strada ecc. perché non sentivo le parole dell’interlocutore. Descriverei le persone che ho trovato nel centro Pontoni semplicemente eccezionali! Ora riesco a sentire in qualsiasi situazione rumorosa e ciò mi ha reso veramente contento!

Luigi Davanzo

Soffrivo di un certo disagio a causa dei miei problemi di udito ma non sapevo bene cosa fare, da Pontoni ho incontrato la dott.ssa Marina che è accogliente e sempre disponibile e mi ha aiutato a raggiugnere dei risultati che definirei buoni recuperando un livello di udito normale.

Teresa Civiero

Prima di incontrarci avevo già un altro apparecchio ma non mi trovavo per niente. Con il personale mi sono trovata benissimo, sono persone molto premurose e gentilissime. Con i nuovi apparecchi ora riesco a sentire anche i miei passi! Sono contenta perché prima non sentivo niente o pochissimo.

Corazza Anna

In certe occasioni ero un po' disadattata perché non capivo bene le parole, soprattutto al cinema o alla Tv, mi sono trovata molto bene da Pontoni e ora ho migliorato sicuramente l’ascolto della Tv e sento meglio le voci delle altre persone.

Moretti Ida
848 - 390019